In prigione in prigione

Ok, non serve un nuovo indulto. Anzi, che non ci si azzardi a parlare di indulto, è un insulto alla gente perbene. Però, se in galera ci sono almeno 23mila persone più dei posti normalmente disponibili, e in 12 regioni (lo dice il sindacato dei secondini, non quello dei detenuti…) sono esauriti pure gli strapuntini, che bisogna fare? Chiamare il pifferaio magico?

Per esempio, mettere in galera gli immigrati “clandestini” non aiuta. Mettere in prigione i tossici è anche peggio. Il bello è che quelli che si dovrebbero incazzare di più sono i poliziotti e i secondini, appunto. I primi perché devono perdere tempo a correre appresso a immigrati e tossici, appunto, e non a criminali. I secondi perché rischiano ancora di più la pelle e la salute.

Dato che la situazione è questa, che i giustizialisti (compresi quelli leghisti) non vogliono l’indulto mascherato (cioè un decreto del ministero della Giustizia), che le carceri non si costruiscono e che le fattispecie di reato aumentano (insieme cogli avvisi di garanzia a ministri o a esponeti della maggioranza), che facciamo, cominciamo a pensare alle galere?

Categorie poplitics

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close