Che poi io la bici la amo

Il mio amico ambientalista che si spaccia per ciclista giovane e bona anima da qualche tempo un blog pro-2ruote che seguo saltuariamente, ma con interesse. Qualche tempo fa ha anche ri-pubblicato una specie di poesia del ciclista molto divertente e anche realista, se non fosse che termina poi così:

All’incrocio, finalmente, lo aspettavamo da un pezzo,
mi fai un gesto rapido, mi guardi, io guardo te,
abbassi il finestrino e allora lì lo sento,
che urli: A ciclista! Ma levate dar cazzo!

Ecco, ci penso, ci penso spesso a quell’epilogo. Ci penso tutte le volte, e son tante, che vedo gente in bicicletta – non gli assegnerò il titolo di ciclista, per rispetto verso i militanti delle 2 ruote – passare col semaforo rosso, incurante del fatto non solo di rappresentare un pericolo per gli altri, ma anche per sé stessa.
Fosse che questi cicloutenti hanno iniziato a credere di essere indistruttibili, anche nello scontro con un bel Suv che accelera per non mancare il semaforo?

Che poi io la bicicletta la amo, e sto meditando, dopo anni di abbandono – per motivi di logistica familiare e lavoro, soprattutto, uso uno scooter, mentre l’auto la prendo praticamente solo, e neanche tanto, nel fine settimana – di riprenderla sul serio, anche per accompagnare i figli a scuola e poi andare al lavoro.

Resta però che questi ciclisti qui mi fanno incazzare. Perché sono, appunto, ciclisti à la romana, che rispettano le regole quando gli pare a loro, più o meno come fanno gli automobilisti, e anche gli scooteristi. Solo che ovviamente queste due categorie, e soprattutto i guidatori di auto, sono più pericolose.

(Mi fanno incazzare anche i ciclisti olandesi e quelli tedeschi, intendiamoci, che, scampanellando irati contro gli incauti pedoni che magari si infilano disatrattamente nelle piste ciclabili, in fondo somigliano più ad automobiisti con la bava alla bocca).

Categorie pop e bastaTag , ,

2 pensieri riguardo “Che poi io la bici la amo

  1. mi hai spento in un attimo la poesia di pensare che dietro a quei versi si celasse una gnocca ciclista. non tutte le ciambelle…. ma voglio continuare a pensarla così

  2. PS. anche a me fanno parecchio incazzare i tedeschi che ti insultano sulle ciclabili. non è che c’è il rischio che anche noi diventeremo così? te le immagini le biciSUV?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close