Confesso, in famiglia la donna sono io

Mi sono reso conto recentemente di essere una donna. No, non è questione di inclinazioni sessuali o di genere, mi riferisco a una questione di ruolo sociale o forse familiare.

Esiste una fascia di uomini – che non so quanto vasta, ma a cui appartengo – che ritiene normale occuparsi almeno al 50%, e se serve anche più, di quello che si definisce “lavoro riproduttivo”. Ovviamente non parlo della gravidanza, del parto e dell’allattamento al seno, ma di tutte le attenzioni e cure necessarie non soltanto per i figli, ma in generale per le persone con cui viviamo, per la nostra famiglia.

Sono cresciuto in una famiglia che si poteva definire normalissima, per l’epoca. Mio padre era autista in un’azienda pubblica di trasporto, mia madre aveva scelto di smettere di lavorare dopo il matrimonio, a metà degli anni Sessanta, e di fare insomma la casalinga. Avrebbe poi rimpianto in parte quella decisione, sia per uscire più spesso di casa e frequentare anche altri ambiti e persone diverse, sia per una ragione economica, visto che lo stipendio di mio padre è stato poi eroso negli anni dall’inflazione. 

CONTINUA QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close