La crisi del ’69 e la “risposta armata”

5e720114230000a6210c6412

Prima di quella provocata dal coronavirus, l’Italia ha vissuto diverse altre crisi e quella del 1969 è stata forse la più grave. Un documentato libro uscito a inizio marzo, “L’Italia di Piazza Fontana” di Davide Conti (Einaudi) la racconta in dettaglio e ne analizza le cause.

Il ’69 è notoriamente l’anno del cosiddetto “autunno caldo”, dell’attentato neofascista di piazza Fontana – nonché di una serie di altri atti terroristici che non fecero morti – della radiazione del gruppo del “Manifesto” dal Pci. Ma è anche l’anno della separazione del Partito socialista unificato (Psu) voluta dai socialdemocratici – ispirati o, ancora meglio, istigati dal presidente della Repubblica Giuseppe Saragat – che dà un brutto colpo al centro-sinistra. E del passaggio di Aldo Moro e della sinistra Dc all’opposizione interna contro i “dorotei”.

Ancora, il 1969 è l’anno in cui Confindustria cancella le “gabbie salariali” tra regioni e il Senato approva in prima lettura lo Statuto dei Lavoratori (la sera prima della bomba a piazza Fontana).

Continua a leggere su HuffPost

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close