La Provenza, arte in rotatoria

Conoscete sicuramente la Provenza, anche se non ci siete mai stati, per i suoi campi di lavanda, le colline dal profilo dolce, le colorate tovaglie e il vasellame, il vino rosé, la cucina mediterranea, con abbondante uso di olio di oliva – che si impiega spesso anche per saponi profumatissimi – e di aglio. Meno noti, invece, anche se si tratta di un vero prodotto di esportazione francese, come il camembert e i supermercati, i rond-point, cioè le rotonde o rotatorie stradali: quegli incroci circolari, senza semafori, dove le auto girano intorno ad ampie piazzole prima di immettersi nella direzione desiderata.

I rond-point sono certamente una conquista civile, perché riducono gli incidenti stradali e le vittime – lo attesta un rapporto della Commissione Europea di qualche anno fa – e rendono inutili i semafori, liberando gli automobilisti dai tempi di attesa. Me lo ripeto, come un mantra, tutte le volte che ci capito dentro: perché la Provenza per me, e intorno ad Aix En Provence in particolare, è il paradiso delle rotatorie: ce ne sono ovunque, anche dove apparentemente non servirebbero…

CONTINUA A LEGGERE SU FOGLI&VIAGGI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close